19 giugno 2007

Brucerò all’inferno

Accidia

Da Wikipedia copioincollo i Sette Peccati Capitali e relativa spiegazione.

Ira (lasciarsi facilmente andare alla collera)
Accidia (la pigrizia, l’ozio, la poca voglia di fare, ma in origine indicava l’apatia, il disinteresse verso gli altri e verso la vita)
Lussuria (chi è dedito e succube dei rapporti sessuali)
Avarizia (mancanza di generosità, colui che è taccagno, ma in origine indicava la tendenza all’accumulo eccessivo ed ingiustificato, la tesaurizzazione)
Gola (chi si abbandona ed eccede nei piaceri della tavola)
Invidia (desiderio malsano verso chi possiede qualità, beni o situazioni migliori delle proprie)
Superbia (colui che si erge in netta superiorità rispetto agli altri, facendo pesare la propria situazione di rilievo)

Di Sette Vizi, posso dire di frequentarne un paio. Un tempo mi incazzavo molto di più, ora sono un po’ più impermeabile, isterica sì ma meno irosa. La Mater DF non puo’ da statuto essere una lussuriosa ma se il sesso è sostituito alle scarpe, qualche fiammella nel culo se la piglia pure. Non sono avara, almeno non mi reputo tale, è per questo che morirò con le pezze al culo, che brucerà, quindi, più in fretta. Gola… Ormai con questa maledetta prova costume, esame che non ho superato, mi sento in colpa a mangiare qualsiasi cosa. Non sono invidiosa, mi faccio abbastanza i cazzi miei, forse invidio chi ha il coraggio di perndersi la propria vita in mano con più decisione di me. Superba forse sì, sennò uno straccio di fidanzato che reputoi alla mia altezza l’avreio trovato invcece di scrivere stronzate su internet.
Ma su tutti i peccati io eccello – si dice? – in uno che mi farà meritare l’Inferno, che farà sì che le fiamme mi bruciacchiaranno per il resto della mia vita eterna. L’Accidia. Io sono un’accidiosa, una che non fa, una che si lascia scorrere in balia degli eventi. Ogni volta che devo prendere una decisione, aspetto che la decisione si prenda da sola e intanto mi faccio divorare dai dolori psicosomatici. E penso. Il cervello mi va a fuoco per quanto penso senza risolvere un cazzo. Ci sono delle volte in cui mi sento come Robert Smith dei Cure, immobilizzato a letto, come se delle corde mi tenessero legata. Al mare questo accade nel lettino ma sempre letto è.
Ho deciso, alleluja una decisione, di essere fatalista ovvero di dare una giustificazione al mio non prenderne. Io credo che il nostro Destino sia già scritto, noi percorriamo una strada che per noi è già stata tracciata, breve o lunga che sia. Abbiamo l’illusione del Libero Arbitrio, quindi passeggiamo inconsapevoli nella nostra vita che forse tanto nostra non è. Ho fatto studi classici, ho fatto mio Sofocle.
Quindi lascio ogni cosa che sia. Sia.

Annunci

24 Responses to “”

  1. giolabe Says:

    A te il weekend ha fatto male…..hai preso qualcosa di illecito ????

  2. danildc Says:

    Per quanto mi riguarda un po’ di ira e un po’ di superbia, ma tutto in quantità così modica da risultare caratteristiche e non peccati. Anche se i dolori psicosomatici attanagliano anche me. Dovremmo aprire un post sui disturbi classici della DF e della donna moderna in generale… potrebbe quasi essere utile…

  3. anonimo Says:

    aeiouy io non so se hai presente chi sono le persone davvero accidiose. nel senso che poi una cosa è quanto uno è davvero, e una cosa è quanto pensa di essere

    m slogged

  4. taxxo Says:

    anche io son forse accidioso, ma la mia punizione, se di punizione si deve trattare, preferirei fosse più simile a quella di SEVEN che alle banali fiamme dell’inferno.

    In fondo morire di stenti legato ad un letto sotto un pineto di Arbre magik al LIME non è roba da poco…

    basta che non siano alla vaniglia, potrei morire di nausea!

  5. Smellissa Says:

    ho abbandonato l’IRA e la LUSSURIA da un pò e adesso non pecco in nulla a pensarci…che vita grama…o forse in SUPERBIA…

  6. Smellissa Says:

    a pensarci morirò legata davanti alla vetrina aperta di Tassinari, tutti passeranno e prenderanno le scarpe gratis mentre io non potrò muovermi, e verrà da me mr Pittarello dicendomi di non preoccuparmi perchè avrò comunque da lui un paio di scarpe scontate.

  7. anonimo Says:

    All’inferno saremo sicuramente in tanti e poi magari ci saranno degli anfratti bui in cui mangiarsi un tegolino senza che nessuno ci veda, o farsi quattro salti in giostra con Paolo e Francesca o giocare a Scarabeo con il Conte Ugolino…no?

    GuaLinn

  8. alessandroid Says:

    io non ho vizi capitali
    al massimo qualche vizio capoluogo

  9. aaeeiioouuyy Says:

    Io mi ci sento. Sono immobile. Per domani c’è sempre tempo.
    Porca paletta.
    Aeiouy

  10. MaudeLeboschi Says:

    Eppure una sana pratica di tutte queste passioni umane senza per questo esserne schiavi renderebbe tutti/e meno frustrati.
    Qualcuno ha dato dell’accidiosa anche a me “sanza infamia e sanza lode”, per il peccato di gola me la sono mangiata, dopo quello dell’ira funesta causata da orgoglio ferito (boria direbbe mio padre).
    Attualmente di denaro non voglio neanche parlare e di lussuria non se ne vede….

  11. MaudeLeboschi Says:

    Il mio motto
    “mai fare oggi quello che puoi rimandare a domani…”

    il peccato capoluogo, i tegolini ragazzi vi voglio bene maledetti.

  12. taxxo Says:

    non ne “vedi” perchè va praticata, la lussuria, non “guardata”… o sei per il sesso tantrico?
    ma anche quello impone un minimo di contatto!

  13. MaudeLeboschi Says:

    Taxxo se scrivi un post sui 10 comandamenti ti porto sulla mia Bottecchia…

  14. giolabe Says:

    Vabbè…..io ovviamente sono un lussurioso

  15. taxxo Says:

    è un po’ che non servo messa, anzi, non l’ho mai servita…. il vestitino pizzuto da chirichetto non si addiceva al lupetto pizzichino di lana che mi “saldavano” addosso da bambino!

    scrivere dei 10 comandamenti, quindi, sarebbe uno sforzo intellettuale mostruoso… anche se il giro in Bottecchia non te lo offrono mica tutti i giorni.

    vedremo.

  16. LisaTurn Says:

    io ce ne ho messo, di tempo, ad ammetterlo. Ma je suis fataliste too, senza sensi di colpa. E nemmeno “credo che il nostro Destino sia già scritto”. Per me fatalista non è sinonimo di passivo, fatalista è chi si abbandona alle combinazioni della vita, chi accetta le sfighe e le sorprese, chi crede in un destino in divenire e mai predeterminato, chi continua a crederci. Semplicemente attendere è più nelle mie corde che attaccare. Ma la propria vita si può costruire anche con attitudine fatalista. Che l’importante è VIVERE

  17. iPodamo Says:

    …io sono cinico a manetta…che non e’ un peccato capitale….come diceva il buon Bierce…vedo le cose come sono, invece di come dovrebbero essere…fatalista…?!?!?si direi proprio di si…almeno fino a quando non capitano le sfighe…
    comunque vedrai aeiouy che all’inferno non ci andrai…perche’ l’inferno non esiste…e se ci fosse sarebbe gia overbooking…comunque vedarai aeiouy che all’inferno non ci andrai…perche’ l’inferno non esiste…e se ci fosse sarebbe gia overbooking…

  18. aaeeiioouuyy Says:

    Ma a me la Suora che mi faceva religione in terza elementare ha detto che se ci comportavamo male andavamo all’Inferno e attraverso una specie di vetro vedevamo dall’altra parte i nostri cari in Paradiso…
    Aeiouy

  19. io_malo Says:

    e poi, al massimo, se esiste l’inferno, si farà balotta anche là… sai che bello? tutti i più maledetti, che di solito muoiono giovani, sai che figo? in paradiso, tutti babbioni e preti, no, no.
    ci si abitua a tutto, ci adegueremo anche al fuoco…
    malo

  20. taxxo Says:

    secondo me di preti ne becchi pochi, in paradiso, il minimo sindacale… poi con le bestemmie ho finito!

  21. anonimo Says:

    POCHISSIMI PRETI…E SICURAMENTE QUASI TUTTI GLI ACCIDIOSI…
    IH IH IH…DOPO STA VITA GRAMA…ALMENO IL CONTRAPPASSO NEL ESSER DESTINATI AL PARADISO!!!

  22. nizman Says:

    Zero. Neanche uno. Mi toccherà il paradiso? Che sia almeno quello islamico! Dall’altra parte del vetro poi ti dirò se sono davvero vergini…

  23. anonimo Says:

    All’inferno brucerai in buona compagnia. La mia. (Così finalmente ti conoscerò, maestra Df, che ogni giorno coi tuoi post allieti il mio cammino già tracciato da Sofocle). Io sono SUPERBA. Mi ergo in netta superiorità rispetto agli altri, soprattutto se sono omarelli (una razzia inferiore!) ma non sono sicura di farla pesare… Mi piacerebbe però. Così potrei peccare anche un po’ di LUXURIA.
    TittiBoop

  24. MissLIZ Says:

    La gola secondo me non e’ solo riferita al cibo ma il desiderio smodato per qualsiasi cosa.
    o no?


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: