Quella granculo di Cenerentola

6 marzo 2008

Pretty-WomanC’era una volta una storia che tanto piaceva alle DF che hanno disegnato il proprio ideale maschile proprio sulla base di questa favola. In realtà, questa è una storia di fantascienza, anche se lui ha le orecchie normali e lei ha due gambe e due braccia.
Accade che una che tiene su gli stivali con una spilla da balia incontra per caso un uomo brizzolato, bello e ricco per caso. Lei sta battendo e lui a malapena sa guidare una macchina. Lei sale sulla macchina e arriva fino al sontuoso albergo di lui. Lei è tanto bella quanto grezza come la carta vetrata mentre lui ha un gran palo nel culo. Lui non è proprio il tipo da saltarle addosso e quindi, senza fretta fa un po’ di scena anche se la paga, offrendole champagne con delle fragole che ne esaltano il gusto. Mentre lei si strofina sulla moquette guardando due tizie che pigiano l’uva in un catino, lui sente il richiamo della foresta. Si guardano amorevolmente e lei si mette in ginocchio davanti a lui, non certo per pregare. Quando lei si sveglia, lui ha appena rimesso il palo nel culo che forse lei gli aveva sfilato la sera prima quand’ecco che lui le propone, probabilmente complice la preghiera del giorno prima, di rimanere per tutta la settimana a suon di bigliettoni. Lei accetta, ma è ancora vestita da baldracca allora lui le allunga un chilo di dollari e le dice “Vai a fare shopping”. Lei ci prova ma le sorellastre di Cenerentola, che hanno aperto un negozio in Rodeo Drive non le permettono di comprare neanche un paio di mutande. Il direttore dell’albergo che nota lo smarrimento della nostra eroina, chiama una certa Bridget, che sicuramente si scopa nelle pause pomeridiane, che provvede a coprire la lungagnona con uno splendido abito da cocktail. La coppietta va al ristorante per un’importante cena di lavoro, lei conta i rebbi delle forchette e, al grido di “stronze lumachine”, conquista la tavolata.
La strana coppia prende timidamente confidenza anche se lui ha i maroni girati perché i suoi affari non prendono la piega desiderata. Lei, rimasta da sola a vedere o vecchi film, dice tra sé e sé “Ma che non se scopa? E me paga pure!”. Lei allora prende il toro per le corna e non solo quelle, lo raggiunge e si possedere sul pianoforte dove lui la suona come se fosse Giovanni Allevi.
La mattina seguente lui le impone di fare dello shopping selvaggio e lei si lamenta perché non sono gentili con lei. Allora lui, sfanculando i suoi impegni di smantellamenti di compagnie, va nel negozio di Bianconeve e le sette nane e spende una spudorata somma di denaro. Lei ripulita e carica di buste che una donna normale, semmai se ha tante buste, son del mercato e di Zara, torna dalla tre Arpie facendo notare loro quanto sono state sciocche a mandarla via dato che lavoravano a percentuale.
Con un incantevole vestito marrone a pois bianchi vanno ad una gara di polo in cui, vestiti di tutto punto si ricompattano le zolle stando bene attenti ad evitare quelle fumanti. Lui, che comincia a lasciare il paletto nel culo a casa, pensa bene di dire al suo piccolo aiutante la verità tutta la verità sulla deliziosa ragazza. Siccome l’amore non è bello se non è litigarello, i due se le dicono di tutti i colori, offendendosi a tutto spiano perché lei, dopo che ha indossato il vestitino a pois, è diventata una signorina bon ton. Dopo la guerra, i due fanno la pace e, sempre più intimi, si raccontano il passato.
Lui approfitta di questo rapporto, seppur breve sulla carta, per sfoggiare il proprio ego e organizza una seratina all’opera via aerea, con annessi e connessi tipo una collana di diamanti a noleggio che non le regalerà mai.
Lei deve averlo stordito a colpi di passera perché lui prende addirittura un giorno di ferie per leggere un libro sotto un albero.
Musica di sottofondo e i due finalmente, quasi alla fine della storia, si baciano, contravvenendo alle regole che si erano dati il primo giorno e fanno all’amore dandosi completamente l’uno all’altro. Lei fa anche l’errore più grande che si possa fare, dicendogli ti amo in un momentoi di smarrimento e lui, ovviamente, fa finta di niente.
Lui le pianifica l’esistenza ma a lei non sta bene perché lei gli vorrebbe sostituire i gessati con delle tutine aderenti celesti con la manichine a sbuffo. Ma lui le dice che mai l’ha trattata da prostituta ma lei le fa notare che lui lo ha appena fatto.
E mentre lei si confida con la sua amichetta lui rivede lui decide che scorporare compagnie non è più il suo obiettivo. Allora il piccolo aiutante incazzato come una pantera va dalla nuova socia del Rotary e le salta addosso ma l’eroe salta da dietro il divano e lo caccia a calci in culo. Nonostante il gesto, lui non ha ancora indossato la tutina e non puo’ darle la favola che lei chiede. Lei allora se ne va e con la limousine torna a fanculo da dove era venuta.
E cosa succede alla fine? Lui non si mette la tutina celeste, sguaina la spada e va a salvarla perché poi lei salvi lui?
Una vera storia di fantascienza che ci ha rovinato.
Ma saranno vissuti felici e contenti?
Annunci

67 Responses to “Quella granculo di Cenerentola”

  1. TheBigStve Says:

    Ehi, bello… assomiglia a Pretty Woman, ma quello lì sì che era tutto inventato…

  2. estel26 Says:

    che ti debbo dì??
    io so solo che Pretty Woman di merda m’ha rovinato: per colpa sua (ma, come già detto, anche di Dirty Dancing e Flash Dance) io attendo LA favola, aspetto LA magia, voglio il (SATC docet) PATAPUM..

    e così mi ritrovo alla soglia dei 30 (manca poco, cazzo!!) single perchè mi sono fatta un’ideale di uomo INESISTENTE e il fatto che nn riesca MAI ad accontentarmi, beh, complica un po’ le cose..

    per fortuna mi concedo diversivi..

  3. danildc Says:

    Ieri sera ne ho visto un pezzetto dopo CSI, ho notato che anche Elvis, che si trincerava da vero duro dietro le pagine di Dylan Dog, lo stava seguendo, seppur con fare indifferente tipico del maschio che si sta chiedendo “ma sul serio la mia morosa si aspetta tutto questo da me?”…

    In realtà no, almeno non per quanto mi riguarda… Pour parler: a me Pretty Woman non m’ha rovinata, è stata più colpa di tutta la serie dei vari film con Meg Ryan che sono usciti prima (Harry ti presento Sally) e dopo (Insonnia d’amore, C’è posta per te, ecc).

    PS: la battuta migliore di tutto il film, e ce ne sono tante, a mio avviso, resta lei lavora a percentuale? Bello sbaglio, enorme.

  4. Nicknome Says:

    ah l’amore impossibboli

    l’unico che ci piace perchè il film finisce prima di bigodini e residui di patatine sul divano oppure finisce con uno dei due che schiatta o se ne va su marte

  5. estel26 Says:

    e infatti è proprio qsto che ha dato al film quella patina di immortalità: finisce sul più bello, qndo ancora i due nn sono ancora inciampati nella ovvia e terrificante quotidianità..

  6. MaudeLeboschi Says:

    alla fine lui la riempie di botte e lei all’ennesima sopraffazzione gli taglia il membro…..

    anche la storia di lorena bobbit, può sembrare una favola….

  7. nushu Says:

    nooooo! quindi ieri sera mi sono persa la 147ma visione di questo cult? nooooooooooooo-bis!
    (sono Rebecca, ciao)

  8. taxxo Says:

    quando ripenso a questo film mi viene il vomito più che con i vaporosi SMS di MALO.

  9. marabotto Says:

    mai visto, se non blobbato o citato in giro nelle scene famose.
    la cosa che rompe i coglioni di questo film è che non posso più ascoltare le compilation di roy orbison senza che una stronza mi dica ‘ah, quello di pretty woman’.
    fanculo.

    io_malo loggata dalla stefi

  10. estel26 Says:

    dai taxxo, nn dire stronzate che in realtà sei più tenero di un panda!!

  11. TheBigStve Says:

    Contrariamente a quello che si crede, il panda NON è buono, anzi…

  12. MaudeLeboschi Says:

    scusa ma la canzone dei roxette?

  13. taxxo Says:

    Comunque non ho mai capito il LA VERA FAVOLA:

    – avere in mano l’uccello di GERE?

    – avere in mano una AMERICAN GOLD CARD mentre si passeggia per le vie della moda?

    – avere un uomo che come unico slancio emotivo, in tutto il film, si arrampica su per una scala antincendio anche se soffre di vertigini?

    – guidare un’auto con cambio meccanico che “sembra sia sulle rotaie”?

    alla fine, e credo di aver ragione, l’unico motivo sono i soldi e la bella vita.

    e ieri mi parlavate di BUON INTERLOCUTORE??

  14. AnteaBlanca Says:

    @taxxo
    …sicuramente la favola è la seconda che hai detto… un vero sogno!!! …però in un film attuale gli stivali al ginocchio della locandina se li andrebbe a comprare al posto del vestito da cocktail…

  15. JollaJolla Says:

    il mio film preferito, come mi piacerebbe essere lei!!!!
    che romantico!!!!

  16. alessandroid Says:

    a me julia roberts non piace tranne che nella prime scene di pritti uoman

  17. alessandroid Says:

    a me ha rovinato EPPI DEIS, ancora a desso fatico a comprendere che non è sufficiente avere un giubbetto di pelle e schioccare le dita per avere tutte le ragazze ai miei piedi.
    ma in realtà forse lo sospettavo anche all’epoca, per questo non ho mai comprato il giubbetto di pelle

  18. Nicknome Says:

    E comunque tutta sta favola parte dall’assunto che lui va a mignotte.
    Che missione quella dell’infermiera.

  19. aaeeiioouuyy Says:

    Siccome con gli anni sono diventata sempre più bigotta, ieri ragionavo che non c’è alcun uomo che tollererebbe una che ne ha fatte di cotte e di crude, per giunta a pagamento.
    Lui, già al JFK di NY sd me le aveva già rinfacciato di essere una baldracca.
    Quetsa è la verità. Cinica ma è la verità.
    Aeiouy

  20. MaudeLeboschi Says:

    oggi Io sono d’accordo con Taxxo….

  21. marabotto Says:

    @alessandroid
    ti manca una cosa fondamentale
    stefi

  22. alessandroid Says:

    “non c’è alcun uomo che tollererebbe una che ne ha fatte di cotte e di crude”

    misconosci il mondo dello scambismo e del cuckolding
    vedi cuckold.splinder.com

  23. alessandroid Says:

    “ti manca una cosa fondamentale”

    il jukebox in pelle

  24. tacchinospennat Says:

    dai taxxo falla finita di loggarti come jolla jolla e fare il semo che non ci crede nessuno

  25. Nicknome Says:

    disconoscendo quel mondo lì, ha ragione….anche se ti dirò, a pagamento è meglio che per divertimento….trovi una giustificazione plausibile che non sia quella che te o un altro cambia poco…

  26. marabotto Says:

    @alessandroid
    il bulbo
    era l’arma vincente di fonzie, quando tirava fuori il pettine…
    stefi

  27. taxxo Says:

    TACCHINO, saresti meno sospettoso ed insensibile se ti avessero abbandonato e ti fosse rimasto solo un gatto!

  28. io_malo Says:

    io una volta ad uno a cui non piaceva l’idea delle mie vecchie storie d’amore mi son giustificata così: ‘ero disperata, ti cercavo, sentivo la tua esistenza, ma non sapevo esattamente com’eri fatto, allora ho provato con altri, e finalmente eccoti trovato’.
    comunque ancora mi sfugge il perché se un uomo ha avuto molte donne è perché ci sa fare, se una donna ha avuto molti uomini è perché è una baldracca.
    m

  29. aaeeiioouuyy Says:

    Se una si fa pagare, è di fatto una baldracca, mi dispiace sottolineare l’ì
    ovvio.
    Aeiouy

  30. io_malo Says:

    sì, sì, aiuola.
    intendevo che ti danno della baldracca a prescindere se ti fai pagare o meno.
    i kilometri percorsi su un uomo fan ‘macchina d’epoca’, su una donna fan sfasciacarrozze.
    io non sono d’accordo con questo concetto, ma ormai è luogo comune per molti pensarla così.
    m

  31. marabotto Says:

    oh ma poi… chissenefrega
    stefi

  32. AnteaBlanca Says:

    Forse a volte sarebbe meglio faresi pagare… x la serie: patti chiari e amicizia lunga…

  33. AnteaBlanca Says:

    …tanto certe volte la gente lo pensa anche se non si prendono soldi in cambio…

  34. Nicknome Says:

    no ma il problema non è la baldracchità di lei ma il puttanierismo di lui….voglio dire, lui che salva una povera vittima, mignotta per necessità è una cosa romantica mentre un mondo femminile che mitizza un puttaniere che per una volta prende una sbandata è il solito schema “con più son stronzi con più han fascino”.
    E comunque ripeto: per gelosia meglio una professionista che una che ha la vocazione.

  35. AnteaBlanca Says:

    Concordo con Malo!!!

  36. aaeeiioouuyy Says:

    Ma lui va a mignotte per caso.
    Aeiouy

  37. Nicknome Says:

    Per caso.
    Poi tromba perchè è lì e paga per abitudine.

  38. TheBigStve Says:

    Puttanieri per caso.
    Di: ???
    Con: ???

  39. taxxo Says:

    con PATRIZIO ROVERSI e SUSY BLADY.. se hai anche questo trash movie STEVE, fammi una copia!

  40. io_malo Says:

    comunque a far fare la parte del puttaniere a quel frocione di Gere, ci voleva giusto l’olezzo dei marci anni 80 appena finiti.
    m

  41. AnteaBlanca Says:

    …si, e anche la Julia non è che sappia tanto da boldra… c’era di meglio sul mercato…

  42. vuminch1 Says:

    JollaJolla
    il mio film preferito, come mi piacerebbe essere lei!!!!

    voglio complimentarmi personalmente con chi ha creato questo strepitoso fake. Il nick poi è irresistibile!

  43. aaeeiioouuyy Says:

    Sempre disfattisti… Lui, se non fosse che era 10 cm meno di lei, stava proprio bene in quel film. E che bel culetto.
    Aeiouy

  44. tacchinospennat Says:

    è taxxo, ufficiale ci scommetto gli zebedei di kingfreak

  45. tacchinospennat Says:

    quella di prima era la risposta a vuminch ovvio

  46. aaeeiioouuyy Says:

    E pensare che Taxxo passa le sue giornate a provare ad indovinare chi sia la Jolla.
    Aeiouy

  47. taxxo Says:

    solo mezza giornata AIOLA… nell’altra mezza sono su YOUPORN

  48. JohnBelushi Says:

    Ma chi volete che sia, se non quella simpaticona di Danildc?

  49. danildc Says:

    Simpatica son simpatica ma non ho capito cosa ho fatto.

  50. JohnBelushi Says:

    A: aaeeiioouuyy
    Oggetto: Ciao, sono un fake!
    Data: 31 Ottobre, 2007 – 14:29
    Sono la Dani(ldc) non mi smascherare eh?

    Baci.

  51. tacchinospennat Says:

    soccia allora kingfreak ci ha rimesso gli zebedei sono dispiaciuto da morire

  52. aaeeiioouuyy Says:

    Il mondo dei blog è così: ci sono i fake ma soprattutto ci sono i troll.
    Aeiouy

  53. io_malo Says:

    a giudicare dalla latitanza, secondo me kingfreak è stato accoltellato da un albanese a cui aveva chiesto il biglietto.
    m

  54. danildc Says:

    Ma cosa va dicendo quello del commento #50? Io oggi non vi capisco, ma dopotutto non ho pranzato, forse c’è un filo logico in tutto ciò.

  55. danildc Says:

    Ah! Ci arrivo adesso!

    A: danildc
    Oggetto: solito posto, solita ora.
    Data: 31 Ottobre, 2007 – 14:29
    ti aspetto come sempre nudo, tuo Johnny (Depp)

    😉

  56. Jollanda Says:

    Un salutone!

  57. danildc Says:

    Le danno del fake e lei fa “un salutone”, alla faccia del pragmatismo.

  58. Jollanda Says:

    Il salutone era per te, carissima. Puoi anche loggarti con Jolla Jolla e fare un soliloquio tra te e “lei”.
    Devo fare lo screenshot dell’account che ti hanno “rubato”? No, dai, il gioco è stato carino, ma si chiude qua.

  59. HeartMind Says:

    il mio ideale di donna preferito in assoluto è la tipa muta di Lezioni di piano

  60. LaPresidentessa Says:

    la cosa più vera è proprio il palo in culo di Richardo.Tanto bello il culo quanto lungo e ben saldo il palo.

  61. Nicknome Says:

    ai miei tempi si malignava su fantomatici topini
    pare che muovendosi diano belle sensazioni
    a me è sempre sembrata una boiata però apprezzavo la fantasia

  62. TheBigStve Says:

    #61
    mercoledì sera, nel corso di una cena con amici, è saltata fuori proprio questa storia dei topini di Richard Gere…
    Un fondo di cerità ci deve essere, allora

  63. Nicknome Says:

    oppure un genio che si inventa una storia bellissima che resiste negli anni

    comunque io da quasi vent’anni non riesco a guardare RGere senza pensarlo mentre si infila dei topini (bianchi) nel culo

  64. marabotto Says:

    il gioco si chiude qua!
    chi lo decide?
    è una minaccia?
    è un consiglio?
    Jollanda, ma vaffanculo va!
    stefi

  65. io_malo Says:

    ????
    ..troll che si auto-trolleggiano..
    ..partenogenesi di fake..
    bah.
    pur di non lavorare, cosa non ci si inventerebbe.
    m

  66. alessandroid Says:

    ci vorrebbero new trolls
    i vecchi hanno stancato

  67. MaudeLeboschi Says:

    di Richard Geere voglio ricordare solo la scena in cui si veste e sceglie gli abbinamenti di colore in America gigolo’….(anticipatore metrosexual)….ma per il resto….


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: